La leggenda degli zingari di Puntalta narra che...

  • Scopri
  • Viso nella roccia

Viso nella roccia

Chi scruta le rocce nella forra vi scorgerà il viso di una vecchia…

Le scienze naturali spiegano che la formazione della forra del Cavagliasco è di origine similare a quella delle «marmitte dei giganti». Nell’era glaciale di alcuni decimillenni anni fa, questa regione era ricoperta da un imponente ghiacciaio sotto il quale l'acqua di fusione ha inciso incessantemente anche questa forra nella roccia. Da allora, l'acqua, scorrendovi vorticando, ha continuato ad allestire la forra, scavato le forme più stravaganti nella rupe e fatto apparire nella roccia anche il viso della vecchia…

La leggenda poschiavina degli zingari di Puntalta

In tempi remoti una famiglia di zingari, scendendo a valle, giunse alla forra del Cavagliasco. Erano affamati e volevano raggiungere senza indugio il villaggio ove trovare qualcosa da mangiare. La loro decrepita madre però, gemendo lamentava di essere esausta nonché stanca di vivere e non poter proseguire. Ciò avrebbe rallentato la discesa a valle. I figli incolleriti afferrarono allora la vecchia madre e la buttarono nel precipizio. Prima di urtare in basso, furente maledisse tutta la famiglia sull'orlo dell'abisso. Allora le rupi al di sopra si staccarono e trascinarono gli zingari nella forra. – Si suppone che la leggenda abbia tratto ispirazione dal viso della vecchia nella roccia.

Newsletter

Ho preso visione e accetto quanto riportato da Privacy e Termini
bernina-glacier
B-ICE & Heritage
graubunden
Valposchiavo
rhb

Utilizzando il sito web ggc.swiss accetti il nostro uso dei cookie e trattamento dei dati personali, per una migliore esperienza di navigazione.